EN BREU BRIZAR’AL TEMPS BRAUS. DIPLOMATICA INTERPRETATIVA E ANALISI DELLE VARIANTI DEL MANOSCRITTO K

EN REU BRIZARA’L TEMPS BRAUS: EUSEBI ED IL MANOSCRITTO K


CANZONIERE K

 

  DIPLOMATICA DIPL. INTERPRETATIVA
I En breu brisaral temps braus. El bizel bru

nel ebrancs. Qui sentre seingno(n) trastug.

De sobre claus rams de fuoilla. Menseingnam

ors queu fassa donc. Tal chan qui ner segons

ni terz. Al prims da francar cor agre.

En breu brisara.l temps braus

el biz’e.l brunel e brancs

qui s’entreseingnon trastug

de sobre claus rams de fuoilla,

m’enseign amors qu’eu fassa donc

tal chan qui n’er segons ni terz,

al prims d’afrancar cor agre

II Amor es de pretz la claus e de proezus est

ancs. Don naisson tut li bon frug. Ses qui li

almen los cuoilla. Qu nols delis gels ni nu

illaMentre ques noiriz en bon tronc. Mas

sil romp trefas ni culuertsPuois trolalais

lo agre.

Amor es de pretz la claus

e de proez’us estancs

don naisson tut li bon frug,

s’es qui lialmen los cuoilla,

q’u no.ls delis gels ni nuilla

mentre que.s noiriz en bon tronc,

mas s’il romp trefas ni culvertz,

puois tro la lais lo agre

 

III Faillirs emendars es laus. Et eusenti(m) nams

losflancs. Que mais nai damor ses cug. Qe

tals que parle norguoilla. Que pietz mi fal

cor que friula. Mentre ellam fes semblan i

bronc. Mas uolgrieu trait penels desertz. O

On anc no nac dauzels agre

 

Faillirs emendars es laus,

et eu senti.m n’ams los flancs

que mais n’ai d’amor ses cug

que tals que parl’e n’orguoilla,

que pietz mi fa.l cor que friula;

mentre ella m.fes semblan bronc

mas volgr’ieu trait pen’els desertz

on anc non ac d’auzels agre

IV Bona doctrina esuaus. Ecors clars sotils efr

ancs. Man damor ab ferm condug. Delleis

don plus uoil quem cuoilla. Car sim fon i

fere escriula. Er iauzen breuian temps lonc.

Quel mes plus fina et eu leisers. Que ta

lan emele agre.

Bona doctrina e suaus

e cors clars, sotils e francs

mand’amor ab ferm condug

de lleis don plus voil que’m cuoilla,

car si.m fon fere escriula

er iauzen breuia.n temps lonc,

que’l m’es plus fina et eu lei sers

que talan’ e meleagre

V Et an dopti que per no(n) aus. Deue(n)c souenc

niers eblancs. Si mal sens desirs fors dug. No(n)

sap lo cors trep os duoilla. Mas ios qui desper

ma fiula. Men colpa car no(n) la somonc. Per q(ue)

soi del prec tant espers. No(n) aidals talan neis

magre.

E tan dopti que per non-aus

devenc sovenc niers e blancs,

si m’a.l sens desirs forsdug

non sap lo cors trep o.s’ duoilla,

mas ios qui d’esper m’afiula

m’encolpa car non la somonc,

per que soi del prec tan espers

non ai d’ als talan neis magre

 

VI Pensar delleis meis repaus. Etragam ams

los oills crancs. Sa lei uezer nols estug. El

cor non creatz quem tuoilla. Car oracs ni iocs ni

uiula. Nom pot delleis entrauers ionc. Partir

cai dic dieu tu(m) somers. Om peris el peleagre

Pensar de lleis m’eis repaus,

e traga.m ams los oills crancs

s’a lei vezer no.ls estug,

el cor non creatz que.m tuoilla,

car oracs[1]1 ni iocs ni viula

no.m pot de lleis en travers ionc

partir c’ai dic? dieu tu.m somers[2]2

o.m peris el pelagre

VII Arnauz vuol sos chans sia oferz. Lai on dous

motz mou en agre

Arnauz vuol sos chans sia ofertz

lai on douz motz mou en agre

 

 

 

SCHEDATURA DELLE VARIANTI IN RELAZIONE AL TESTO DI EUSEBI

 

 

1. VARIANTI GRAFICHE

 

EUSEBI

MANOSCRITTO K

I STANZA

I STANZA

Brizara brisara
s’entresenhon s’entreseingnon
Trastuig trastug
Fuelha fuoilla

II STANZA

II STANZA

m’enseinh m’enseign
Tertz terz
Estancx estancs
Leialmen lialmen
Cuelha cuoilla
Noiris noiriz

III STANZA

III STANZA

Falhirs faillirs
Ieu eu
Flancx flancs
Piegz pietz
Embronc: termine piuttosto raro nella Romania che richiama Lanqan li jorn son long en mai

di Jaufre Rudel.

 

Bronc: termine non attestato nella banca dati on line ma di cui il Meyer Lübke riporta l’etimologia latina pronicare, da cui deriva il verbo provenzaleembroncar.
mais mas

IV STANZA

IV STANZA

suptils sotils
francx francs
vuelh voil
cuelha cuoilla
quar car
fo fon
jauzen iauzen
breuia.m breuia.n
ieu eu
sertz sers

V STANZA

V STANZA

soven sovenc
ners niers
blancx blancs
duelha duoilla
jois ios
quar car

VI STANZA

VI STANZA

sui soi
liei Lleis. Lleis, equivale a lieis, forma attestata in Guiraut de Bornelh (non aic mais qant de lleis en cui m’enten) e Bonifacio Calvo (mas sai bes que de lleis m’eschai)secondo le occorrenze riportate nel Trobvers.
es eis
tragua traga
ambs ams
huelhs oills
crancx crancs
tuelha tuoilla
lieis lleis
jonc ionc

 

 

2. VARIANTI SEMANTICHE

 

 

EUSEBI MANOSCRITTO K

I STANZA

I STANZA

Brus (nero).Indicazione cromatica: il nero Brunel. Tale lessema porta qualche problema di traduzione. Il dizionario Levi non riporta tale lemmail quale, però, viene attestato dalla banca dati on line trobvers (www.textus.org): ab Brunel l’albalestrer.4 Si noti come qui Brunel sia scritto con la lettera maiuscola, indicando un nome di persona.

Una possibile interpretazione ci porta a considerare il termine come vezzeggiativo di brun, bruno, più suffisso in -el, che rimanda al colore scuro dell’ombra, dell’oscurità. Il copista, di origine veneta, ha con probabilità usato il vezzeggiativo, spesso utilizzato nell’italiano, per esprimere l’idea di piccolezza, riferendosi al colore scuro di cui si tinge progressivamente il cielo non appena tramonta il sole. Se questa ipotesi fosse vera, la traduzione più consona si avvalerebbe di un verbo lessicalizzato come “l’imbrunire” o “il bruneggiare”, che esprimono entrambi l’idea di un’atmosfera che tende al bruno, all’ombra, ma che ancora non lo è definitivamente, in linea con l’ipotetico vezzeggiativo brunel usato dal copista. E’ più probabile che si tratti di un errore di lettura e trascrizione del copista.

 

Blancx. Eusebi rende il contrasto luminoso del bianco e nero, colori di forte carica simbolica. In particolare, il nero rimanda: alla mancanza di luce della stagione invernale; all’umore malinconico dell’atrabile[3]; alla poetica dell’asperitas e dell’obscuritas in contrasto con quella dellasuavitas, (la parola agre contro la parola dolce). Contrariamente al nero, il bianco fa riferimento:alla luce del sole simbolo della primavera, stagione del canto e dell’amore; all’amore corrisposto; allasubtilitas, alla chiarezza dello stile contro l’ermetismo.

 

Brancs (diramazioni degli alberi). In questa lezione si perde il contrasto luminoso del bianco e nero ma semanticamente brancs si ricollega al brisara, all’idea dello spezzarsi del ram e del tronc.
Qu’ar no’i chant auzel ni piula. Errore di Eusebi che comporta la mancanza della s segnacaso. ………………………………………………………………………….Verso mancate. Si tratta di un evidente errore metrico del copista che, omettendo un verso, crea una cobla di 7 versi. L’errore del copista altera anche il sistema rimico: elimina, per questa stanza, la rima in -iula, presente invece nelle coblas successive.

 

Ans prims d’afrancar cor agre Al prims d’afrancar cor agre. Si tratta di una lectio difficilior rispetto a quella facilior di Eusebi.

 

Niula. Si tratta di un verbo coniugato alla III persona del presente indicativo. Nuilla, parola non attestata né dal dizionario Levi, nè dal Meyer Lübke. Il Trobvers, dal canto suo, riporta 53 occorrenze nelle quali nuilla sembra riferirsi non ad un verbo coniugato come in Eusebi, ma al pronome indefinito “nessuna, nulla” (per nuilla paor de chantar di Aldr. Vill.). Malgrado il verso funzioni dal punto di vista semantico, metricamente introduce la rima in -uilla, assente invece nelle altre coblas. Questa lezione è dunque errata in base alla struttura rimica del componimento che prevede le stesse rime ripetute in tutte le stanze.

 

Peris tro leial lo sagre (muore finchè un uomo leale lo consacri). Eusebi dichiara nel suo apparato critico che il concetto del consacrare non conviene al senso generale della stanza.

 

Puois tro la lais lo agre. Errore morfologico, lessicale e metrico che pone diversi problemi di traduzione. I dizionari Levi e Meyer Lübke non riportano puois. Il Trobvers, al contrarioregistra ben 293 occorrenze. Può tradursi con la locuzione temporale “dopo”, proveniente dal latino postea, che in provenzale vede gli esiti di pueis e puois, in italiano poi,in francese puis.

Trolalais: provando ad interpretare tro la lais ci si accorge che il costrutto è privo di significato. Infatti la lais si configura come un errore morfologico, in quanto lais (canto) è un sostantivo maschile preceduto da la, articolo determinativo femminile.

Tro l’alais lo agre: nel Trobvers alais risulta essere un nome di proprio di donna.

Tro lalais lo agrelalais sembra essere inesistente poiché non attestato né dai dizionari, né dalla banca dati Trobvers.

Agre: il dictionnaire de l’occitan médiéval on line presenta le seguenti definizioni:

1. adj. a. aigre

b. acide [propriété chimique]

c. en fermentation

d. aigu, perçant [en parlant de la voix]

e. pénible, douloureux

f. violent

g. dur, insensible

2. n. m. [opp. à doussor] aigreur

b. champ

c. nid

d. nid, nichée

e. de bon a. loc. adj. de bonne famille

 

Le suddette definizioni di agre sembrano essere piuttosto inadeguate al verso in esame. Con molta probabilità agre rimanda alla terza persona singolare di un verbo, come nell’edizione critica di Eusebi, nel quale leggiamo sagre, consacrare.

Il dizionario occitanico medievale[4] propone un’ ipotetico agrar, verbo non attestato e forse non esistente:

agrar: (?) ArnDanP 11,16: Amors es de Prez la claus / e de Proes’ us estancs / don naisso tut li bon frug / s’es qui lialmen los cueilla, / que·us no delis gels ni miola / mentre que·s noiris el bon tronc: / mas si·l romp trefas ni culverz / poiris tro lials [mss. I, K puois tro lalais] lo agre.

 

Un presumibile verbo può essere agrasir, di cui il dizionario riporta:

1. v. tr. indir. a. a ‘plaire à’

2. v. pr. ‘se réjouir’

3. v. faire a. alc. ren (?) ‘faire apprécier qc’

4. n. m. ‘plaisir’

 

Le congetture appena riportate, ad ogni modo, non ci sono molto d’aiuto ai fini di una corretta traduzione, da qui l’idea che il verso in questione derivi da una non attenta copiatura da parte del copista, ipotesi avvalorata anche dal punto di vista metrico. Infatti, se si analizzano le rime di questo manoscritto, agre rima per ben 3 volte: in funzione di aggettivo nella I stanza, di sostantivo nella III e presumibilmente di verbo nella II. La presenza di tre parole rima non rientra nello schema rimico del componimento in cui non si fa uso delle parole-rima come nella sestina, ma di veri e propri rimanti. Poiché in questa stanza il termine in esame non sembra avere significato, possiamo concludere che il copista abbia letto in malo modo, non prestando attenzione al senso. La lezione dei manoscritti A,C D,E,R a favore di sagre è la più pertinente al senso generale del componimento in quanto introduce il tema della consacrazione[5]. Tutta la lirica provenzale propone la dicotomia dell’amore profano e sacro, applicando  alla sensualità la dottrina cristina dell’amore mistico. Da qui la dualità data dall’amore carnale con quello religioso, dalla sensualità con la spiritualità. Il richiamo alla religione sacra è facilmente individuabile anche nella fine della terza stanza, dove il poeta vorrebbe portare le proprie pene nel deserto come eremita. Si ricordi che il martirio è una isotopia della poesia mistico-religiosa. Arnaut Daniel non può dimenticare i suoi studi da chierico, seppur ingiullarito, per questo l’amore deve essere letto tanto nella sua chiave carnale quanto spirituale. In questo contesto il termine sagre  è assolutamente funzionale, a differenza della lezione di questo manoscritto.

 

Emendatz,participio passato proveniente dalla forma latinaemendare. Emendars. Molto probabilmente è un errore del copista. L’infinito verbale latino emendare evolve in provenzale nella forma esmendar. Il Trobvers riporta una sola occorrenza di emendar, a differenza del Levi e del R.E.W che riportano unicamente esmendar. Ad ogni modo emendar e esmendar  sono due possibili grafie del verbo emedare.

 La S finale di questa lezione crea dei dubbi. Nell’edizione critica Eusebi pone il participio passato emendatz. Dal punto di vista paleografico la R e la T sono facilmente confondibili. È dunque probabile che il copista abbia letto erroneamente, confondendo le due consonanti. A questo proposito si noti anche la parte relativa a trair-trait.

 

Cor de friula. In Eusebi friula è sostantivo. Si tratta di un’apax, parola usata una sola volta ed unicamente in questo componimento. Il termine è di dubbia provenienza: da un lato può essere etimologicamente assimilato a freg,freddo, dall’altro a freola, fregola. La doppia interpretazione rende difficoltosa una traduzione oggettiva: friulapuò essere in relazione con il freddo e quindi con la malinconia per il gelo d’amore o può far riferimento alla fregola, stato in cui i pesci depongono le uova (eccitamento sessuale).

 

Cor que friula. Friula sembra essere un verbo in quanto preceduto dalla preposizione relativa, ma nè i dizionari, nè la banca dati del Trobvers riporta un verbo dalla radice simile.
Mais volgr’ieu trair pen’els desertz Mas volgr’ieu trait pen’els desertz. Malgrado i diversi manoscritti riportino trair, nel manoscritto k la consonante finale del suddetto lemma sembra una dentale sorda t, piuttosto che una vibrante. Tuttavia, l’infinito trair riportato nelle lezioni degli altri manoscritti sembra la forma verbale piu adatta al senso generale della frase, rispetto al trait della lezione di k. Come affermato precedentemente, sotto il profilo paleografico la vibrante e la dentale sono alquanto simili e confondibili con estrema facilità. Da qui l’idea di una cattiva lettura del copista che confonde la R finale dell’infinito con la T, non prestando evidentemente attenzione al significato del lemma.
Manda’m er al ferm condug.Eusebi sostituisce amor, con una preposizione temporale, creando una lectio difficiliorequipollente a livello semantico alle lezioni degli altri manoscritti.

 

Mand’amor ab ferm condug. La lezione facilior di k riporta amor come complemento oggetto così come ACDEHIKNN2. (La buona dottrina ed il cuore franco, sottile comandino amore dalla ferma condotta).
Fera escriula

Escriulacorrisponde aduna crux, parola mai attestata e non riportata nei dizionari Levi e Mayer Lübke, impossibile da tradurre.

Fer’e escriula o fere escriula. Il verso può essere interpretato in due modi: fere escriola può essere un errore di copiatura poiché fere non è attestato da nessun dizionario. Come in Eusebi, fera sembra essere l’aggettivo (inaccessibile, ma può esser tradotto anche con il sostantivo fiera) ed escriula il sostantivo. Altra ipotesi potrebbe essere fer’e escriula, concependo le due parole come entrambi sostantivi, unite dalla congiunzione.

 

Era jauzen breuia.n temps lonc . Era è una congettura di Eusebi che aggiunge una sillaba per risolvere il problema dell’ipometria che sembra essere la caratteristica di tutti i manoscritti. Er iauzen breuia.n temps lonc. Verso ipometro di 7 sillabe e probabile errore del copista.
Orars.  Eusebi preferisce la lezione di A non ritenendo opportune le altre lezioni. Oracs. Il manoscritto non consente una lettura nitida. Eusebi legge oracs, così come nelle lezioni di I e N2 , considerandole  inadeguate.  Poichè oracs non è attestato in nessun dizionario, il ragionamento di Eusebi è corretto.

 

 
Tu m’o mertz(fammelo meritare nuovamente).Malgrado venga dichiarata la presenza di tum somertz in tutti i manoscritti, il verso viene sottoposto a riscrittura: l’io lirico chiede a Dio di fargli meritare di nuovo l’amore della donna

 

Tu.m somers (sommergimi). proviene dal latino submergere composto da sub e mergere, significante immergere sotto l’acqua. In questa lezione il poeta invoca  Dio affinchè lo faccia annegare 
 
 
 
Pelac agre.Congettura di Eusebi  che non ritroviamo nella tradizione manoscritta. Il filologo  scrivepelac agre per dare una soluzione alpelagrequadrisillabo degli altri manoscritti senza accorgersi che anche il suo pelac agre contiene 4 sillabe. Si tratta dunque di unraptus emendandi, un errore di ragionamento avvalorato ache dal punto di vista rimico. Agre, infatti, è gia stato usato più volte come aggettivo e come sostantivo, costituendo una rima equivoca. In questo versoagre come aggettivo rappresenta una rima identica conagre della prima stanza, risultando essere un errore.

 

Dieu tu m’o mertz / o’m peris el pelac agre (Dio fammelo meritare ancora o uccidimi nell’aspro mare). Eusebi, seppur errando al  livello rimico, restituisce senso alla preposizione avversativa, diversamente dalle lezioni degli altri manoscritti. Infatti oppone due concetti diversi: la richiesta di meritare ancora l’amore e di morire nel mare.

El peleagre .  Siamo di fronte ad un’apax al livello di crux. Si noti come pelagre sia preceduto da el (il o nel) stando ad indicare un sostantivo la cui attestazione non è riscontrabile in alcun dizionario, portando dei grossi problemi traduttivi. Al livello fonico si nota la somiglianza con “pellagra”, la quale potrebbe essere una possibile traduzione se ci si ricollega al crancs del secondo verso dell’ultima stanza.

 Come sostiene Canello, il termine potrebbe anche essere sciolto con pel’e agre o pele agre laddove pel rimanda a pelvis, alludendo alla zona pelvica della donna. Il doppio senso può ricollegarsi al somers del verso precedentedove la sommersione acquista una carica prettamente sessuale.

 

 

Dieu tu.m somers / o.m peris el pelagre  (Dio sommergimi o fammi morire in/il ………). L’avversativa non sembra avere senso in quanto il verso propone due proposizioni che esprimono lo stesso concetto, quello della punizione: sommergimi e fammi morire.


 

 

 

 

3. TRADUZIONE

 

I: A breve il tempo bravo si spezzerà e la tramontana e l’imbrunire e le diramazioni degli alberi che si contraddistinguono proprio tutti sopra i rami privi di foglia; mi insegni amore a fare dunque un canto che non sarà né secondo, né terzo al primo nell’affrancare un cuore acre.

 

II: Amore è la chiave del pregio e il sostegno della prodezza da cui nascono tutti i buoni frutti, se esiste chi li colga lealmente, perché neppure uno né il gelo, né nulla li distrugge finché si nutre nel buon tronco, ma se lo rompono il malvagio e l’impostore dopo finché la canto gli piaccia.

 

III: L’errore emendare è degno di lode, ed io mi sento in entrambi i fianchi che d’amore ne ho, senza dubbio, di più di colui che parla e inorgoglisce, perché peggio mi fa il cuore di ghiaccio-di fregola; quando lei mi faceva il sembiante imbronciato avrei preferito penare nei deserti dove mai vi fu nido d’uccelli.

 

IV: La buona dottrina e la soavità e il cuore sottile e franco comandino amore dalla ferma condotta di colei che più voglio che mi accolga, perchè se un tempo mi fu ………….., ora nella gioia abbrevia il lungo tempo, perché mi è più fina ed io verso di lei più sicuro di Atalante e Meleagro.

 

V: E tanto temo per la timidezza che divento nero e bianco; e il desiderio mi ha fatto uscire di senno che non so se il cuore esulti o si dolga; ma la gioia che mi cinge di speranza mi incolpa perchè non la richiedo, poiché sono esperto della preghiera che d’altro non ho più la magra voglia.

 

VI: Pensare a lei mi da riposo e il cancro mi porti via ambo gli occhi se non li conservo per vedere lei; e non crediate che distolga il cuore perchè né la preghiera, né il gioco, né la viola mi possono separare da lei per quanto misura un giunco; ..che ho detto? Dio sommergimi o fammi morire……….

 

TORNADA: Arnaut vuole che il suo canto sia offerto laddove la parola dolce muove in agre.