EN BREU BRIZARA’L TEMPS BRAUS: RICOSTRUZIONE SUBARCHETIPO I E K

Le tradizioni di I e di K presentano fra loro degli errori congiuntivi e separativi. Applicando il metodo ecdotico lachmanniano giungiamo all’ipotesi che nessuno è descriptus dell’altro e che entrambi hanno copiato da un manoscritto archetipo andato probabilmente perduto. L’analisi di tali errori ci permette di arrivare alla ricostruzione del manoscritto base che chiameremo iota.

DIPLOMATICA INTERPRETATIVA DI I

DIPLOMATICA INTERPRETATIVA DI K

En breu brisara.l temps braus

e.l biz’e.l brunel e brancs

qui s’entreseingnon trastug

de sobre claus rams de fuoilla

[…………………………]

m’enseign amors q’eu fass’adonc

tal chan qi n’er segons ni terz

al prims d’afrancar cor agre.

 

Amors es de pretz la claus

e de proez’us estancs

don naisson tur li bon frug

s’es qui lialmen los cuoilla

q’u no.ls delis gels ni niulla

mentre qu’es noiritz en bon tronc

mas si.ll romp trefaus ni culvers

puois tro la lais lo agre.

Faillirs emendars es laus

et eu senti.m n’ams lo flancs

que mais n’ai d’amor ses cug

que tals que parl’e n’orgoilla

que pietz mi fa.l cor que friulla

mentre ella.m fes semblan bronc

mas volgr’ieu trair pen’els desertz

on anc non ac d’auzels agre.

Bona doctrina e suaus

e cors clars, sotils e francs

mand’amor ab ferm condug

de lleis don plus voill qu’en cuoilla

car si.m fon fere escruilla

er iauzen breuia.n temps lonc,

que’l m’es plus fina et eu lei sers

que talant’ e meleagre.

E tan dopti que per non-aus

devenc sovenc niers e blancs,

si m’a.l sens desirs forsdug

non sap lo cors trep o.s’ duoilla,

mas ios qui d’esper m’afiulla

m’encolpa car non la somonc

per que sui del prec tant espers

non ai d’als talan neis magre.

 

Pensar de leis m’eis repaus

e traga.m ams los oillz crancx

s’a lei vezer no.ls estug

e.l cor non creatz que.n tuoilla

car orars ni iocs ni viulla

no.m pot de lleis en travers ionc

partir c’ai dic Dieu tu.n somers

o.m peris el pelagre.

Arnautz vol sos chanz sia ofertz

lai on doutz motz en agre.

En breu brisara.l temps braus

el biz’e.l brunel e brancs

qui s’entreseingnon trastug

de sobre claus rams de fuoilla,

[…………………………]

m’enseign amors qu’eu fassa donc

tal chan qui n’er segons ni terz,

al prims d’afrancar cor agre

Amors es de pretz la claus

e de proez’us estancs

don naisson tut li bon frug,

s’es qui lialmen los cuoilla,

q’u no.ls delis gels ni nuilla

mentre que.s noiriz en bon tronc,

mas s’il romp trefaus ni culvertz,

puois tro la lais lo agre

Faillirs emendars es laus,

et eu senti.m n’ams los flancs

que mais n’ai d’amor ses cug

que tals que parl’e n’orguoilla,

que pietz mi fa.l cor que fruila;

mentre ella m.fes semblan bronc

mas volgr’ieu trait pen’els desertz

on anc non ac d’auzels agre.

Bona doctrina e suaus

e cors clars, sotils e francs

mand’amor ab ferm condug

de lleis don plus voil que’m cuoilla,

car si.m fon fere escriula

er iauzen breuia.n temps lonc,

que’l m’es plus fina et eu lei sers

que talant’ e meleagre.

 

E tan dopti que per non-aus

devenc sovenc niers e blancs,

si m’a.l sens desirs forsdug

non sap lo cors trep o.s’ duoilla,

mas ios qui d’esper m’afiula

m’encolpa car non la somonc,

per que soi del prec tan espers

non ai d’ als talan neis magre

 

Pensar de lleis m’eis repaus,

e traga.m ams los oills crancs

s’a lei vezer no.ls estug,

el cor non creatz que.m tuoilla,

car oracs1 ni iocs ni viula

no.m pot de lleis en travers ionc

partir c’ai dic? dieu tu.m somers2

o.m peris el pelagre.

Arnauz vuol sos chans sia ofertz

lai on douz motz mou en agre.

 

RICOSTRUZIONE DELL’ANTECEDENTE DEI TESTIMONI I E K

 

I

En breu brisara.l3 temps braus

el biz’e.l brunel4 e brancs5

qui s’entreseingnon6 trastug

de sobre claus rams de fuoilla,

[……………………………………..] 7

m’enseign Amors q’eu8 fass’adonc

tal chan qi9 n’er segons ni terz

al10 prims d’afrancar cor agre.

II

Amors es de pretz la claus

e de proez’us estancs

don naisson tut11 li bon frug

s’es qui lialmen los cuoilla,

q’u no.ls delis gels ni nuilla12

mentre que.s noiritz13 en bon tronc,

mas s’il romp trefaus14 ni culvers15,

puois tro la lais lo agre16.

III

Faillirs emendars17 es laus

Et eu senti.m n’ams los18 flancs

Que tals que parl’e n’orgoilla19

Que pietz mi fa. l cor que friulla20

Mentre ella m.fes semblan bronc

mas volgr’ieu trair21 pen’els desertz

on anc non ac d’auzels agre

IV

Bona doctrina e suaus

E cors clars sotils e francs

Mand’amor ab22 ferm condug

De lleis don plus voill qu’en23 cuoilla

Car si.m fon fere escriulla24

Er iauzen breuian temps lonc25

Qu’el m’es plus fina et eu lei sers

Que Talan26’ e Meleagre.

V

E tan dopti que per non aus

Devenc sovenc niers et blancs

Si m’a.l sens desirs forsdug

Non sap lo cors trep o.s duoilla

Mas ios qui d’esper m’afiulla27

M’encolpa car non la somonc

Per que sui28 del prec tant29 espers

Non ai d’als talan neis magre.

VI

Pensar de leis 30 m’eis repaus

E traga.m ams los los oills crancs

S’a lei vezer no.ls estug

e.l cor non creatz que.n31 tuoilla

car orars- oracs32 ni iocs ni viulla33

no.m pot de lleis en travers ionc

partir c’ai dic Dieu tu.n somers34

o.m peris el peleagre.

TORNADA

Arnaut35 vol36 sos chanz37 sia ofertz

Lai on doutz38 mou en agre.

RICOSTRUZIONE DI γ E PARAGONE CON IL MANOSCRITTO D

TRADIZIONE DI γ

TRADIZIONE DI D

En breu brisara.l temps braus

el biz’e.l brunel e brancs

qui s’entreseingnon trastug

de sobre claus rams de fuoilla,

[…………………………]

m’enseign amors qu’eu fassa donc

tal chan qui n’er segons ni terz,

al prims d’afrancar cor agre.

Amors es de pretz la claus

e de proez’us estancs

don naisson tut li bon frug,

s’es qui lialmen los cuoilla,

q’u no.ls delis gels ni niula

mentre que.s noiriz en bon tronc,

mas s’il romp trefaus ni culvertz,

puois tro la lais lo agre.

Faillirs emendars es laus

et eu senti.m n’ams los flancs

que mais n’ai d’amor ses cug

que tals que parl’e n’orguoilla,

que pietz mi fa.l cor que friolla;

mentre ella m.fes semblan bronc

mas volgr’ieu trait pen’els desertz

on anc non ac d’auzels agre.

Bona doctrina e suaus

e cors clars, sotils e francs

mand’amor ab ferm condug

de lleis don plus voil que’m cuoilla,

car si.m fon fere escriula

er iauzen breuia.n temps lonc,

que’l m’es plus fina et eu lei sers

que talant’ e meleagre.

E tan dopti que per non-aus

devenc sovenc niers e blancs,

si m’a.l sens desirs forsdug

non sap lo cors trep o.s’ duoilla,

mas ios qui d’esper m’afiola

m’encolpa car non la somonc,

per que soi del prec tan espers

non ai d’ als talan neis magre

Pensar de lleis m’eis repaus,

e traga.m ams los oills crancs

s’a lei vezer no.ls estug,

el cor non creatz que.m tuoilla,

car oracs39ni iocs ni viola

no.m pot de lleis en travers ionc

partir c’ai dic? dieu tu.m somers402

o.m peris el pelagre.

Arnauz vuol sos chans sia ofertz

lai on douz motz mou en agre.

Em breu briza tals temps braus

e.l bis’el bu…ne.l brancs

qui s’entrestenc trastuch

de sobre clans ram de foilla

qu’er no.i ebant aucels ni pola

enn’eseng amors q’eu faç’adonc

tal chan que n’er ver segnoz ni terç

anç prims de francar cor agre.

Amors es de prez la claus

E de proesa us estancs

don naisso tuig li bon frug

s’es qui leialmen les coilla

que un non delis gels ni mola

mentre qu.el noiris el bon tronc

ma si.l rump trafans ni.l culverç

mor tro leial lo sagre.

Fallirs emendaz es laus

et eu senti.m n’ams los flancs

que mais n’ai d’amor ses cug

que tals que parla e n’oiguoilla

que petz mi fa.l cor de friola

mentre.n clam fez semblan embronc

mais volgr’eu trair pen’els deserç

onc anc non ac de acels agre.

Bona doctrina e suaus

e cors clars soptils e francs

mand’amor al ferm conduch

de lei dom plus voill que tinlla

car si·m fo fera et escriola

er iauçen breuian teps lonc

qu’ill m’es plus fina et eu lei cerç

que Talant’e Melagre.

E an dopti queu per non aus

devenc soven ners e blancs

si m’a·ls sen desirs forsuc

no sap lo cors crep e.s duoilla

mas iors qui d’esper m’afiola

m’encolpa car no la samonc

per que soi del prez [……….]

no ai d’als talan neis magre.

Pensar de lei m’es repaus

e traga.m los oillz crancs

s’a lei vezer no·ls estug

e cor non crezaz qu’en tuoilla

car oras ni iocs ni viola

no·m pot de lei en travers ionc

partir c’ai dich Deu tu.m somerc

o·m peris el peleagre.

Arnauç vol sos chanz sia offerz

lai on dolz moz mou en agre.

Durante la ricostruzione di γ abbiamo notato cone N2 contenga alternatamente la rima in iola e la rima in iula, a differenza di I e K. Ne consegue l’ibridazione di ι , antecedente di I e K, e di γ, antecedente di N2 e di ι. Andando a monte nella tradizione troviamo delle somiglianze con D, la quale presenta sistematicamente in tutte le coblas la rima in iola.

1 Il manoscritto non consente una lettura nitida delle lettere poiché deteriorato. Eusebi legge oracs, di cui il Trobvers non riporta alcuna occorrenza.

2 Lettura piuttosto difficoltosa. Eusebi legge tum somertz in tutti i manoscritti.

3 Si tratta della lezione presente, seppur con varianti grafiche, nella maggior parte dei manoscritti. Sono tuttavia da segnalare le lezioni di C, D, E che sostituiscono al futuro il presente dello stesso verbo brisar. In C ed E la lezione è evidentemente erronea poichè viene meno una sillaba, mentre in D, probabilmente allo scopo di ripristinare il giusto computo sillabico, viene aggiunto “tal” di fronte a “temps”. Vista la concordanza della maggior parte della tradizione, la lezione di I, K può considerarsi autentica.

4 I e K riportano la stessa versione: è sicuro dunque che fosse questa la lezione presente nel loro subarchetipo. Se il primo emistichio non si allontana molto dalle lezioni degli altri mss (ad eccezione di A che riporta “e.ill bisa” e H “eil bis’el”), il secondo presenta invece un’interessante difformità.

Il “brunel e brancs” di I-K si contrappone infatti al “bruelhs ni.l branx” dell’archetipo di C-E, al “busina e.ls brancs” di A, al “bus ne.l brancx” di H, al “brus e.l blanx” di R; al “buerna el branc” di Sg.

Brunel. Tale lessemaporta qualche problema di traduzione. Il dizionario Levi non riporta tale lemma, il quale, però, viene attestato dalla banca dati on line trobvers (www.textus.org): ab Brunel l’albalestrer. Si noti come qui Brunel sia scritto con la lettera maiuscola, indicando un nome di persona. Una possibile interpretazione ci porta a considerare il termine come vezzeggiativo di brun, bruno, più suffisso in -el, che rimanda al colore scuro dell’ombra, dell’oscurità. Il copista, di origine veneta, ha con probabilità usato il vezzeggiativo, spesso utilizzato nell’italiano, per esprimere l’idea di piccolezza, riferendosi al colore scuro di cui si tinge progressivamente il cielo non appena tramonta il sole. Se questa ipotesi fosse vera, la traduzione più consona si avvalerebbe di un verbo lessicalizzato come “l’imbrunire” o “il bruneggiare”, che esprimono entrambi l’idea di un’atmosfera che tende al bruno, all’ombra, ma che ancora non lo è definitivamente, in linea con l’ipotetico vezzeggiativo brunel usato dal copista. E’ più probabile che si tratti di un errore di lettura e trascrizione del copista.

L’unica lezione che riporta quest’accezione di “bruno” è il “brus” di R, lezione tra l’altro scelta da Eusebi nella sua edizione critica: “e.l biza, e.l brus e.l blancx”, che spiega la scelta dei colori invernali collegandoli alla “biza”, il vento freddo del Nord. Tuttavia, come annota lo stesso Eusebi, anche “blancx” è proprio di R, mentre tutta la tradizione riporta “brancs”, che, spiega il filologo, “si sarà prodotto per suggestione di contingui”. In questa lezione (“brancs”= diramazioni di alberi) si perde il contrasto luminoso del bianco e nero ma semanticamente brancs si ricollega al brisara, all’idea dello spezzarsi del ram e del tronc.

Un’altra possibile derivazione di “brunel” potrebbe essere data dalla somiglianza fonico-lessicale con le lezioni di C-E (bruelhs ni.l brancx/ brueils ne.l brancs). A produrre “brunel e brancs” potrebbe essere stata una cattiva lettura di quelle lezioni. Il copista potrebbe aver assimilato, a causa di una non perfetta conoscenza della lingua provenzale, la preposizione articolata ne.l all’interno dello stesso “brunel”. Il risultato, “brunel”, avrebbe poi dato comunque senso compiuto al copista franco-veneto.

Vista la vicinanza stemmatica che sia Eusebi che Toja attribuiscono a γ e R, ipotizziamo un possibilie riferimento al bruno in γ.

5 Brancs (diramazioni degli alberi). In ambo le lezioni si perde il contrasto luminoso del bianco e nero ma semanticamente brancs si ricollega al brisara, all’idea dello spezzarsi del ram e del tronc.

6 Variante adiafora rispetto a entretenon (da entretener, sorreggere) di C, E, H, N, Sg.

7 Si tratta di una lacuna testuale, un evidente errore metrico del copista che, omettendo un verso, crea una cobla di 7 versi. Si tratta di un ‘saut du meme au meme’: lacuna prodotta dal salto visivo e logico, all’atto della ricopiatura, da una parola o porzione di parola alla stessa collocata a breve distanza. Il copista ha copiato il verso precedente; è poi tornato sul testo da copiare, nel punto che aveva lasciato, ha letto la lezione del nostro verso, evidentemente molto simile a quella del verso precedente e, credendo di aver già copiato quella porzione di testo, è andato avanti. In realtà ha saltato un verso. È probabile che il manoscritto da cui il copista di ι copia presentasse una lezione simile a *puoilla (dato che il verso IV di I e di K riporta, ugualmente, fuoilla). A questo punto subentra un’altra problematica: la presenza della geminata laterale riportata differentemente nei due manoscritti in questione. Sebbene nella II cobla entrambi presentino la forma in “uilla”, nelle altre coblas notiamo come K semplifichi la laterale doppia, a differenza di I che conserva la geminata. La ricostruzione del subarchetipo si avvalerebbe di due ipotesi: 1) presenza in ι della rima in “uilla”, esatta copiatura di I e semplificazione di K; 2) presenza in ι della rima in “uila”, esatta copiatura di K e correzione di I per via della somiglianza fonica della rima in “oilla” del verso precedente, creando una sorta di rima interna.

La veridicità dell’ipotesi del salto ci porta a supporre la presenza della rima in “uilla” nel subarchetipo, la totale ricopiatura da parte del copista di I e la semplificazione di K.

A questo punto è da prendere in considerazione la lezione di N2, molto vicina a I e K e più alta nella tradizione, che riporterebbe “niula” o “nieula” con un segno di espunzione. Da qui si deduce come nell’archetipo comune a N2 e a Iota vi sia stata la forma in “iula”, banalizzata poi dal copista di Iota in quanto sconosciuta e rara.

8 Il manoscritto K presenta la variante grafica etimologica qu. Per convenzione, nella ricostruzione del manoscritto archetipo si riporteranno le varianti grafiche del manoscritto I.

9 Il manoscritto K riporta la variante etimologica qui a differenza di quella semi-etimologica di I.

10 I, K, R (al), N2 (als). Si tratta di una lectio difficilior rispetto a mas e ans degli altri manoscritti. Eziologicamente nasce dalla possibile presenza di un titulus per nasale posta sopra ad una s alta, facilmente confondibile con una laterale.

11 La lezione di I presenta tur con la vibrante finale. Poichè dal punto di vista paleografico l’occlusiva dentale sorda può confondersi con la vibrante, è probabile che il copista di I abbia letto erroneamente, confondendo le due consanti. Ciò non accade nella lezione di K dove troviamo tut, differentemente di quanto accade in tutti gli altri manoscritti che presentano varianti delle forma tug. Con probabilità si tratta di un italianismo.

12 EUSEBI: niula (I-K-N2); PERUGI: nuilla (I-K) e nieula (N2); TOJA: nuilla (I-K) e niula, da nieula (N2).

LAVAUD: niula (I-K-N2), DE MARCHI: nuilla (I-K) e niula (N2).

Nuilla sembrerebbe derivare dalla forma latina “nullus, nulla, nullum” che da esito in provenzale “nul” o “nulh”, in francese antico “nuile”. Il Trobvers, dal canto suo, riporta 53 occorrenze nelle quali nuilla sembra riferirsi non ad un sostantivo come in Eusebi, ma all’aggettivo femminile “nessuna”. Si tratta dunque di un errore congiuntivo a I e K, di una lectio facilior creata da Iota sulla base di “niula” presente nell’archetipo γ. Essendo questa rima sdrucciola decisamente rara, il copista è intervenuto visivamente, non prestando attenzione alla semantica.

13 Variante semantica. Sia I che K presentano il verbo nutrire alla forma passiva, diversamente dalla forma presente delle lezioni di A, D, R.

La lezione di K propone la variante grafica noiritz ma per convenzione scegliamo la lezione di I.

14 Trefaus nasce probabilmente dalla lezione di A o D che presentano trafans, laddove la nasale muta nella vocale velare u, attuando una ricostruzione paraetimologica su “faus”, falso.

15 La lezione K presenta la variante grafica culvertz.

16Puois tro la lais lo agre. Errore congiuntivo poligenitico morfologico, lessicale e metrico. Probabilmente la forma puois nasce da una cattiva lettura della forma peris di Sg, così come lalais sulla base di “leials” degli altri manoscritti. L’intero sintagma pone diversi problemi di traduzione. I dizionari Levi e Meyer Lübke non riportano puois. Il Trobvers, al contrario, registra ben 293 occorrenze. Può tradursi con la locuzione temporale “dopo”, proveniente dal latino postea, che in provenzale vede gli esiti di pueis e puois, in italiano poi, in francese puis.

Trolalais: il costrutto è privo di significato. Infatti la lais si configura come un errore morfologico, in quanto lais (canto) è un sostantivo maschile preceduto da la, articolo determinativo femminile.

Tro l’alais lo agre: nel Trobvers, alais risulta essere un nome di proprio di donna.

Tro lalais lo agre: lalais sembra inesistente poiché non attestato né dai dizionari, né dalla banca dati Trobvers.

Agre: il dictionnaire de l’occitan médiéval on line presenta le seguenti definizioni:

1. adj. a. aigre

b. acide [propriété chimique]

c. en fermentation

d. aigu, perçant [en parlant de la voix]

e. pénible, douloureux

f. violent

g. dur, insensible

2. n. m. a [opp. à doussor] aigreur

b. champ

c. nid

d. nid, nichée

e. de bon a. loc. adj. de bonne famille

Le suddette definizioni di agre sembrano essere piuttosto inadeguate al verso in esame. Con molta probabilità agre rimanda alla terza persona singolare di un verbo, come nell’edizione critica di Eusebi, nel quale leggiamo sagre, consacrare. Un presumibile verbo può essere agrasir, di cui il dizionario occitanico on line riporta:

1. v. tr. indir. a. a ‘plaire à’

2. v. pr. ‘se réjouir’

3. v. faire a. alc. ren (?) ‘faire apprécier qc’

4. n. m. ‘plaisir’

Le congetture appena riportate, ad ogni modo, non ci sono molto d’aiuto ai fini di una corretta traduzione. Dal punto di vista metrico, se si analizzano le rime del manoscritto ricostruito GAMMA da cui riprendono I e K, agre rima per ben 3 volte: in funzione di aggettivo nella I stanza, di sostantivo nella III e presumibilmente di verbo nella II. La presenza di tre parole rima non rientra nello schema rimico del componimento in cui non si fa uso delle parole-rima come nella sestina, ma di veri e propri rimanti. La lezione dei manoscritti A,C, D ,E, R a favore di sagre è la più pertinente al senso generale del componimento in quanto introduce il tema della consacrazione Tutta la lirica provenzale propone la dicotomia dell’amore profano e sacro, applicando alla sensualità la dottrina cristina dell’amore mistico. Da qui la dualità data dall’amore carnale con quello religioso, dalla sensualità con la spiritualità. Il richiamo alla religione sacra è facilmente individuabile anche nella fine della terza stanza, dove il poeta vorrebbe portare le proprie pene nel deserto come eremita. Si ricordi che il martirio è una isotopia della poesia mistico-religiosa. Arnaut Daniel non può dimenticare i suoi studi da chierico, seppur ingiullarito, per questo l’amore deve essere letto tanto nella sua chiave carnale quanto spirituale. In questo contesto il termine sagre è assolutamente funzionale, a differenza della lezione di questo manoscritto.

17 Errore congiuntivo. L’infinito verbale latino emendare evolve in provenzale nella forma esmendar. Il Trobvers riporta una sola occorrenza di emendar, a differenza del Levi e delR.E.W che riportano unicamente esmendar. Ad ogni modo emendar e esmendar sono due possibili grafie del verbo emendare.La S finale di Iota copiata da I e K pone di problemi. Nell’edizione critica Eusebi pone il participio passato emendatz. Occorre non dimenticare che dal punto di vista paleografico la R e la T sono facilmente confondibili, per questo è probabile che il copista abbia letto male, non prestando attenzione al senso. A questo proposito si veda anche il caso riguardante trair e trait.

18 La lezione di I propone lo non ponendo la s del plurale, a differenza di K. La lezione di K sembra dunque essere la più corretta.

19 Il manoscritto K presenta la variante grafica orguoilla.

20 EUSEBI: friula (I-K-N2); PERUGI: fruilla (I-K), friolla (N2); TOJA: fruilha (I), friula (K), friolla (N2); LAVAUD: fruila (I-K), friolla (N2), DE MARCHI: fruilla (I-K), friolla (N2). Ambo i manoscritti presentano dei problemi di lettura. Data la vicinanza di N2 alla tradizione di I e K, e dato il fatto che N2 presenti la forma in “friolla”, possiamo congetturare una possibile presenza nel subarchetipo della forma “friulla”, cambiata da I in “fruilla” sulla base della rima in “uilla” della II cobla, e da K in “friula” o “fruila” con la geminata scempia, producendo un ipotetico venetismo. Nel tentativo di ricostruire l’archetipo di Iota e N2 occorre ragionare sulle forme in N2 (froilla) e Iota (fruilla). È possibile una ricostruzione in absentia corrispondente a “friulla”, cambiata da N2 con la rima in “iola” e da Iota con “fruilla”. Tuttavia è probabile anche che in γ vi sia “friolla”, ricopiata da N2 e normalizzata da Iota in “friulla”. Da osservare come γ sia ibridato in quanto presenta l’alternanza della rima in iola e in iula, due forme rimiche equivalenti in provenzale. A testimonianza di quanto appena detto si legga la nota 26.

21 La lezione di K propone trait, un probabile errore di lettura del copista che ha confuso la vibrante con la dentale, modificando il senso.

22 Lezione che I e K condividono con A e R mentre gli altri mss riportano “al”. Entrambe le lezioni hanno senso compiuto.

23 Il manoscritto K ospita a l suo interno le varianti grafiche voil e que.m.

24Problemi di lettura e di ricostruzione analogo al “nuilla” della II cobla.

EUSEBI: escriula (K), escruilla (I-N2; PERUGI: escriula (K), escruilla (I-N2); TOJA: escruilla (I-K-N2); LAVAUD: escriula (I-K-N2), DE MARCHI: escruilla (I), escriula (K), escruilla (N2).

È probabile che in Iota ci sia la forma in “escriulla”, modificata da I in “escruilla” e da K in “escriula” o “escruila”. Come si può ben notare, K effettua sempre lo scempiamento della geminata probabilmente presente nell’antecedente. Per la ricostruzione dell’archetipo di ι e N2 possiamo congetturare in γ l’ipotetica forma in “escriulla”, ricopiata da ι e cambiata da N2 in “escruilla”.

25 Errore congiuntivo. Verso ipometro di 7 sillabe.

26 Il manoscritto K presenta al suo interno la variante Talant.

27 Problema di lettura. EUSEBI: mafiula (I-K); PERUGI: mafiulla (I-K), mafiola (N2); TOJA: mafuilla (I-N2), mafiula (K); LAVAUD come EUSEBI; DE MARCHI: m’afuilla (I-K), m’afiola (N2).

Possiamo supporre che ι presenti “m’afiulla”, ricopiato da I e modificato da K che scempia la geminata. N2, dal canto suo, riporta “m’afiola”, presentando una forte somiglianza con D, H e N. Come si è già detto precedentemente, N2 propone le rime in iola e iula. Da qui l’idea che anche il suo antecedente sia ibridato, contenente entrambe le rime. Per questo verso arriviamo alla probabilità che in γ vi sia “fiola”, ricopiata da N2 e cambiata da ι in “fiulla”.

28 La lezione di K propone la variante soi.

29 Il manoscritto K presenta la variante linguistica tant anzichè tan.

30 A differenza di I, K riporta la variante grafica lleis.

31 Al contrario di I, la versione di K presenta la variante que.m.

32 Il manoscritto di K non consente una lettura nitida. Apparentemente sembra si legga oracs così come afferma Eusebi ma semanticamente tale lessema non ha alcun significato. Più appropriato sembra l’orars, il pregare, proposto dalla lezione di I.

33 Problemi di lettura. EUSEBI: viula (I-K-N2); PERUGI: viulla (I-K), viola (N2); TOJA: uiulla (I-K), viula (N2), DE MARCHI: viulla (I-K), viola (N2). Sulla base di ciò ipotizziamo che in ι ci sia “viulla”, ricopiato da I e modificato da K che semplifica la laterale doppia. N2 propone la forma “viola”, in linea con D e A.

Di questo lemma Trobvers riporta 4 occorrenze, di cui 2 come sostantivo e 2 come verbo:

FormaFrequenzaBDTVersoContestoVIOLA429,312  e·m ditz que flors no·il semble de viola VIOLA488,123  qui ‘n joventa met sa ‘ntenta non sap que·s viola, VIOLA488,125  tan son leas lor galeas que lais de viola VIOLA4389,2412  plus que cel que la viola!

Come già affermato nelle note 19 e 26 N2, coerentemente con D e in alcuni casi con H e N, alterna le rime in iola e iula. Per questo motivo possiamo supporre che l’archetipo di N2 sia ibrido e che quindi per questo verso presenti la forma “viola”.

34 La lezione di K propone la variante grafica tu.m.

35 K presenta la variante grafica Arnautz

36 K presenta la variante grafica vuol

37 K presenta la variante grafica chans

38 K presenta la variante grafica douz motz

39

40