L’AUTRIER JOST’UNA SEBISSA: intertestualità nella pastorella di Marcabruno

L’intertestualità : insieme di relazioni che il singolo testo intrattiene con altri testi dello stesso autore o di autori e modelli letterari precedenti o coevi.

Il concetto di “intertestualità”, il cui termine è stato introdotto da Bachtin, è stato in realtà interpretato in diversi modi, da un’accezione piu ristretta che annovera tra le relazioni intertestuali solamente citazioni e altre tracce visibili della presenza di un testo in un altro, a una sua caratterizzazione come termine generale per comprendere qualsiasi tipo di relazione tra testi. Oltre che in ambito letterario il termine suddetto è di uso corrente anche in linguistica, in cui con si intende infatti il rapporto che un testo (letterario) stabilisce con un altro testo (letterario), scritto o orale. Alla luce di questa introduzione, si legga con attenzione il testo marcabruniano “L’autrier jost’una sebissa”.
 
L’autrier jost’una sebissa    
Trobei pastora mestissa,    
De joi e de sen massissa,    
Si cum filla de vilana,    
Cap’ e gonel’e pelissa    
Vest e camiza treslissa,    
Sotlars e caussas de lana.    
II    
Ves lieis vinc per la planissa:    
“Toza, fi.m ieu, res faitissa,    
Dol ai car lo freitz vos fissa.”
   
“Seigner, so.m dis la vilana,    
Merce Dieu e ma noirissa,
   
Pauc m’o pretz si.l vens m’erissa,    
Qu’alegreta sui e sana.”    
III    
“Toza, fi.m ieu, cauza pia,
   
Destors me sui de la via    
Per far a vos compaignia;    
Quar aitals toza vilana    
No deu ses pareill paria    
Pastorgar tanta bestia    
En aital terra, soldana.”    
IV    
“Don, fetz ela, qui que.m sia,    
Ben conosc sen e folia;    
La vostra pareillaria,    
Seigner, so.m dis la vilana,    
Lai on se tang si s’estia,    
Que tals la cuid’en bailia    
Tener, no.n a mas l’ufana.”    
V    
“Toza de gentil afaire,    
Cavaliers fon vostre paire    
Que.us engenret en la maire,    
Car fon corteza vilana.    
Con plus vos gart, m’etz belaire,    
E per vostre joi m’esclaire,    
Si.m fossetz un pauc humana!”    
VI    
“Don, tot mon ling e mon aire    
Vei revertir e retraire    
Al vezoig et a l’araire,    
Seigner, so.m dis la vilana;    
Mas tals se fai cavalgaire    
C’atrestal deuria faire    
Los seis jorns de la setmana.”    
VII    
“Toza, fi.m ieu, gentils fada,    
Vos adastret, quan fos nada,    
D’una beutat esmerada    
Sobre tot’autra vilana;    
E seria.us ben doblada,    
Si.m vezi’una vegada,    
Sobira e vos sotrana.”    
VIII    
“Seigner, tan m’avetz lauzada,    
Que tota.n sui enojada;    
Pois en pretz m’avetz levada,    
Seigner, so.m dis la vilana,    
Per so n’auretz per soudada    
Al partir: bada, fols, bada    
E la muz a meliana.”    
IX    
“Toz’estraing cor e salvatge    
Adomesg’om per uzatge.    
Ben conosc al trespassatge    
Qu’ab aital toza vilana    
Pot hom far ric compaignatge    
Ab amistat de coratge,    
Si l’us l’autre non engana.”    
X    
“Don, hom coitatz de follatge    
Jur’ e pliu e promet gatge:    
Si.m fariatz homenatge,    
Seigner, so.m dis la vilana    
Mas ieu, per un pauc d’intratge,    
Non vuoil ges mon piucellatge    
Camjar per nom de putana.”    
XI    
“Toza, tota creatura    
Revertis a sa natura:    
Pareillar pareilladura    
Devem, ieu e vos, vilana,    
A l’abric lonc la pastura,    
Car plus n’estaretz segura    
Per far la cauza doussana.”    
XII    
“Don, oc; mas segon dreitura    
Cerca fols sa follatura,    
Cortes cortez’aventura    
E.il vilans ab la vilana;    
En tal loc fai sens fraitura    
On hom non garda mezura,    
So ditz la gens anciana.”    
XIII    
“Toza, de vostra figura    
Non vi autra plus tafura    
Ni de son cor plus trefana.”    
XIV    
“Don, lo cavecs vos ahura,    
Que tals bad’en la peintura    
Qu’autre n’espera la mana.”    
 
Nella IV cobla le parole della pastorella “ben conosc sen o folia” riecheggiano le parole di un altro componimento poetico provenzale, quello del principe Guglielmo IX D’Aquitania, considerato uno dei primissimi trovatori, nel suo “Ben vuelh que sapchon li pluzor”, in cui millanta la sua superiorità culturale, politica, militare e sessuale. Si legga:
 
Ben vuelh que sapchon li pluzor
d’est vers si’s de bona color,
qu’ieu ai trag de mon obrador:
qu’ieu port d’ayselh mestier la flor,
et es vertaz,
e puesc en traire.l vers auctor
quant er lassatz.


Ieu conosc ben sen e folhor,
e conosc anta et honor,
et ai ardimen e paor;
e si.m partetz un juec d’amor
no suy tan fatz
no.n sapcha triar lo melhor
d’entre.ls malvatz.

eu conosc ben selh qui be.m di,
e selh qui.m vol mal atressi,
e conosc ben selhuy qui.m ri,
e si.l pro s’azauton de mi,
conosc assatz
qu’atressi dey voler lor fi
e lor solatz.

Mas ben aya sel qui.m noyri,
que tan bo mestier m’eschari
que anc a negu non falhi;
qu’ieu sai jogar sobre coyssi
a totz tocatz;
mais en say que nulh mo vezi,
qual que.m vejatz.

Dieu en lau e Sanh Jolia:
tant ai apres del juec doussa
que sobre totz n’ai bona ma,
e selh qui cosselh mi querra
non l’er vedatz,
ni us mi noa tornara
descosselhatz.

Qu’ieu ai nom “maiestre certa”:
ja m’amigu’ anueg no m’aura
que no.m vuelh’ aver l’endema;
qu’ieu suy d’aquest mestier, so.m va,
tan ensenhatz
que be.n sai guazanhar mon pa
en totz mercatz.

Pero no m’auzetz tan guabier
qu’ieu non fos rahusatz l’autr’ier,
que jogav’a un joc grossier,
que.m fon trop bos al cap primier
tro fuy ‘ntaulatz;
quan guardiey, no m’ac plus mestier,
si.m fon camjatz.

Mas elha.m dis un reprovier:
“Don, vostre dat son menudier,
et ieu revit vos a doblier.”
Dis ieu: “Qui.m dava Monpeslier,
non er laissatz.”
E leviey un pauc son taulier,
ab ams mos bratz.

E quant l’aic levat lo taulier,
empeis los datz,
e.lh duy foron cairavallier
e.l terz plombatz.
E fi.ls fort ferir al taulier,
e fon joguatz
.

In particolare si noti come Marcabruno quasi parafrasi le parole usate dal conte di Poitiers, soprattutto nella nona cobla in cui il cavaliere afferma “ben conosc al trespassage d’aital tozeta vilaina”, che richiamano in modo piuttosto evidente quel “ben conosc”,  reiterato più volte da Guglielmo IX, in nome di una ostentata rivendicazione della sua grandezza in campo culturale, politico, militare  ma soprattutto erotico-sessuale. Un’altro palese richiamo al testo di Guglielmo IX è l’espressione “pareillar doussaina” usata dal cavaliere nella pastorella di Marcabruno nella cobla 11, verso 77 che riecheggia il “juec doussa” di Guglielmo IX. Il richiamo continuo a Guglielmo IX spiega e rientra nel fine marcabruniano di denuncia e stigmatizzazione di ogni comportamento da lui ritenuto “blasfemo” e “amorale”, in perfetta linea con i dettami cattolici, in cui rientra quel lassismo dei costumi di cui il secolo contemporaneo al trovatore moralista si stava “macchiando”. Guglielmo IX, con i suoi componimenti a sfondo sessuale, agli occhi dell’Istituzione più importante del Medioevo, la Chiesa cattolica, suggellava tutta una serie di comportamenti licenziosi della nobiltà da condannare. Da qui si spiega il fervente moralismo di Marcabruno che, celandosi dietro la pastorella, oppone un’ideologia conservatrice, tradizionalista e ossequiosa delle regoli sociali e morali imperanti (contro il “meticciato”, la mescolanza fra i vari status sociali), all’ideologia “progressista”, laica e secolare del cavaliere, dietro cui si nasconde Guglielmo IX, con la sua visione più libera ed ugualitaria dei due sessi.

Una fitta rete di legami concettuali e formali unisce vari componimenti dei trovatori in un reticolo di echi, allusioni o richiami espliciti. Questo richiamare un testo che rientra in un altro testo, questo scambio di voci, rientra pienamente nel concetto di intertestualità di un testo che rientra in un altro testo con cui dialoga, entrandone in relazione. Un esempio epidittico è il legame che unisce L’autrier jost’una sebissa di Marcabruno e Buen vuelh que sapchon li pluzor di Guglielmo IX. Un esempio ulteriore è costituito dall’intreccio di voci che lega Can vei la lauzeta mover di Bernart de Ventadorn e D’amors qui m’a tolu a moi del troviere Chrétien de Troyes sul tema, centrale e comune, di come agire nel caso di un amore non contraccambiato.
Tutto ciò permette di capire come i componimenti lirici medievali non debbano essere concepiti come chiusi in sé stessi, privi di qualsiasi scambio comunicativo, ma, al contrario, come una trama più o meno sottile di voci dialoganti fra loro. Ed è proprio questa sorta di dialogicità e questa componente intertestuale a fare da trait d’union fra un testo e l’altro, portando inevitabilmente alla presenza degli stessi temi e motivi sia semantici, sia formali all’interno di tutta la Romania occidentale.

 
INTERTESTUALITA: LA PASTORELLA
 
ANONIMA IN LINGUA D’OIL
 
 
 
En une praele
m’entrai l’autrier,
trouvai pastorele
lez son bergier.
Li bergiers la bele
vouloit besier,

Mes en fesoit ele
mult grant dangier,
car de cuer ne l’amoit mie,
oncor fust ce sa plevie,
si avoit ele ami
autre que son mari,
car son mari, je ne sais pour quoi,
het ele tan qu’ele s’escrioit:
Ostez moi l’anelet du doit,
ne suis pas mariee a droit!

« A droit, non! Fet ele
a son bergier.
En pur sa gounele
eusse plus chier
celui qui frestele
en ce vergier
sus la fontenele
lez le rochier
que avoir la seignorie
d’anjou que de Normendie;
Mes je i ai failli,
certes ce poise mi».
Dist la douce criature
a haute voiz:
Honiz soit mari qui dure
plus d’un moi!

« Un mois, suer doucete!
Dist li pastors.
Cestes chançonete
mi fet iros;
trop estes straingete
vers moi toz jors,
mult estes durete
de vos amors
mes se teie est vo pensee
qu’a moi soiez acordee,
donc si haez garnier
qui est en cel vergier».
Et ele dist que ja por li

Ne.l lera a amer:
S’amor sa-de-ra-do-re-li
ne mi lesse durer!

« Durer, Joanete!
Dist li jalos.
Fole ennuieusete,
qui amez vos?»
dist la bergerette:
«Biau sire, vos.
Tu mens voir, garcerete,
ainz es aillors
mis ton cuer et ta pensee;
Moi n’aime melz Garnier
qui est en cel vergier
que ne fais mi,
et maintes gens le me dient».
Aimi, aimi!
Amoretes m’ont traie!

Con questo componimento in lingua d’oil si può parlare di intertestualità e transegenericità con i quali si vuole designare una relazione nello stesso stesso letterario di più generi dialoganti fra loro. In questa configurazione lirica entra, fino a modificare il genere della pastorella stessa, un altro genere, quello della “mal maritata”. Il suddetto genere si presenta come un componimento poetico attestato in Francia dal Duecento e diffuso in Italia per tutto il Medievo  fino al Cinquecento, che ha per tema il lamento della donna delusa dal matrimonio. Questo genere entra in questa pastorella nel refrain di ogni coblas attraverso il meccanismo della cantio cum auctoritate, in cui si suole mettere delle strofe appartenenti ad altre canzoni, alla fine di una strofa. In questo modo altre canzoni, altri testi si fondono con il genere della pastorella, dando vita ad un testo ibrido che ingloba due generi diversi.
Nel testo si possono individuare dei segnalatori lessicali tipici della pastorella, indicanti una coinè stilistico-lessicale che filtra da lingua a lingua, da genere a genere:
 
–  l’autrier, elemento temporale già presente in Marcabruno;
– pastorele, notazione sociale della protagonista. Si tratta di una pastora di bacco status sociale, esattamente come nella pastorella di Marcabruno e in quelle a seguire;
– la rima in ele, segnale del genere della pastorella;
– gonele criature, echi della pastorella marcabruniana;
– il prologo iniziale presentante l’elemento spazio-temporale in cui ha luogo l’azione;
– le profferte d’amore del cavaliere verso la pastora;
– l’ incontro-scontro fra la nobiltà ed il ceto sociale più basso;
 
Questo componimento differisce però dal genere della pastorella propriamente detto per la presenza del lamento della donna di suo marito (genere della “mal maritata”) e di una terza persona che costituisce il triangolo amoroso assente nella pastorella.
 
BIBLIOGRAFIA
 
Marcabruno, L’autrier jost’una sebissa, disponibile on line al seguente sito:
 
Per il concetto di intertestualita:  http://it.wikipedia.org/wiki/Intertestualit%C3%A0
 
Lucia Lazzerini, Letteratura medievale in lingua d’oc, Modena, Mucchi editore, 2001;